Conosci la nostra Casa Soggiorno visitando il sito
Sabato 19 Settembre 2020

News

"Dare vita al Gusto" - Dicembre 2018

18 Dicembre 2018

"DARE VITA AL GUSTO" - Innaugurazione della nuova cucina

Immagini
  • Invito_inaugurazione

GIORNATA LUDICA A S. LUCIA DI PIAVE - Ottobre 2018

02 Ottobre 2018

Martedì 2 ottobre 2018 abbiamo accolto l’invito da parte degli organizzatori del torneo di bocce e ci siamo recati a Santa Lucia di Piave.

E’ stata una bella giornata, trascorsa tra i vari giochi proposti in giardino dagli educatori ed è stato bello passeggiare intorno al laghetto del parco.

Il torneo di bocce è stato molto piacevole e ha coinvolto l’attenzione dei nostri ospiti che pur non giocando hanno partecipato tifando.

E’ stato per noi bello vedere come gli organizzatori quest’anno hanno dedicato al nostro ex direttore Rag. Maurilio Canzian il torneo di bocce ricordando anche quanto lui credeva ai benefici di questo sport ed anche alla condivisione del gioco tra le varie case di soggiorno.

Questo incontro annuale ha permesso alle varie realtà di mantenere un legame fatto anche di scambio di esperienze.

Gli ospiti hanno apprezzato il pranzo, offerto dalla casa, molto curato e allo stesso tempo adeguato alle nostre esigenze.

Ringraziando tutti, auspichiamo di essere sempre presenti con entusiasmo alle prossime manifestazioni.

Palmina

Immagini
  • 20181002_115738
  • 20181002_142147
  • 20181006_111758

FESTA DEI NONNI - Ottobre 2018

01 Ottobre 2018iStock-482644147

POESIA: IL PROFUMO DELLA NONNA

Sa di colla il tappezziere,

di salame il salumiere,

di vernice sa il pittore,

ogni persona ha un odore;

le signore, per civetteria

se lo comprano in profumeria.

Ma c'è un profumo particolare

che non hanno tutte le donne,

perchè non si può comprare:

è il profumo delle nonne.

San di violette messe a seccare

fra le pagine di un libro di fate,

e di fotografie un pò slavate.

Sanno di amido, di biancheria

con lo spigo messo via;

sanno di orzo e di cotognata,

di biscotto alla noce moscata.

EVA ALPAGO: doppia donazione - Aprile 2018

26 Aprile 2018foto_gruppo

Doppia donazione alle due case di riposo alpagote da parte dei volontari delle ambulanze dell’Eva Alpago.

Così giovedì l’associazione ha donato al Centro Servizi Villa don Gino Ceccon, in frazione Santa Croce del Lago, un materasso antidecubito e al Centro Servizi Socio Assistenziali dell’Alpago due fasce per l’attrezzatura sollevapazienti. Un motivo di incontro e di festa, celebrato in entrambe le strutture alla presenza dei direttori delle due realtà che hanno ringraziato l’associazione per l’attenzione puntuale che ogni anno l’Eva Alpago dedica agli anziani della conca.

Il direttore della Villa don Gino Ceccon, Marco Sossai, ha ringraziato per due motivi: “Il primo è sicuramente l’impegno costante che i diversi volontari mettono con passione nello svolgere i trasporti anche per i nostri ospiti. Avere delle persone formate che si rendono disponibili a svolgere viaggi sanitari per le persone auto e non autosufficienti dell’Alpago è una cosa importante per noi strutture ma soprattutto per i nostri ospiti.

Il secondo è che anche i soci dell’Eva, con il dono di uno strumento di cura e di sollievo, divengono anch’essi artefici del benessere dei residenti del centro”.

Apprezzamento per il dono anche da parte del direttore del Centro Servizi Socio Assistenziali dell’Alpago, Mariaelena Merella, che ha ringraziato l’associazione delle ambulanze anche per conto dell’Unione Montana Alpago cui fa capo il Centro servizi di Puos e ha sottolineato come ogni anno l’Eva Alpago “faccia dei doni sempre attinenti e inerenti alle necessità della nostra struttura”.

“Non solo”, ha aggiunto, “la preziosa attività di volontariato che svolgono sul territorio li rende insostituibili”.

Ezio Franceschini

QUATTRO CASE PER ANZIANI IN GARA GASTRONOMICA - Aprile 2018

19 Aprile 2018Gruppo BL e TV

Giovedì 19 aprile 2018 presso Fico Eataly World, parco agroalimentare di Bologna, si è tenuta la XIII Gara Nazionale di Ristorazione di Qualità nei Centri di Servizio alla Persona, organizzata da ANSDIPP, l’Associazione dei Manager del Sociale e del Socio-sanitario.

Il tema proposto per l’edizione 2018 è stato “Ti allunga la vita”, da proporre come piatto della tradizione locale seguendo una ricetta tipica, anche in forma rivisitata. Attraverso questo concorso annuale di cucina si intende valorizzare la figura professionale del cuoco che opera presso i Centri di Servizio alla Persona, con la consapevolezza che non esiste la ricetta dell’elisir di lunga vita, ma che una corretta alimentazione aiuta ad invecchiare meglio; anche la scelta degli ingredienti e le tecniche di trasformazione sono fondamentali nella preparazione dei piatti all’interno delle nostre strutture. E’ risaputo, infatti, che l’alimentazione è una variabile determinante nella gestione dell’anziano fragile e che carenze nutritive possono contribuire all’insorgenza o al peggioramento di molti disturbi legati all’età.

Alla competizione di Bologna la “Fondazione De Lozzo - Da Dalto” di Santa Maria di Feletto e la “Casa Soggiorno Divina Provvidenza” di Santa Lucia di Piave hanno gareggiato insieme presentando un “Risotto con i “sciopetin” (carletti), formaggio Piave e riduzione di raboso”, piatto tradizionale della cucina povera primaverile veneta in quanto l’erba spontanea era di facile reperimento. La “Casa Padre Kolbe” di Pedavena e la “Villa Don G. Ceccon” di Santa Croce del Lago hanno, invece, formato un’altra squadra presentando un brasato alla birra con purè di patate acido e biete tricolori all’olio. Le due ricette proposte sono state frutto di un attento studio da parte dei cuochi delle strutture che hanno cercato di coniugare ingredienti anti-aging prestando particolare attenzione anche al territorio.

I piatti in gara provenivano da varie regioni italiane tra cui la Sardegna, il Friuli, la Lombardia, il Piemonte, la Puglia.

Un secondo e quarto posto ben meritati in una gara nazionale che ci ha accolti in un contesto unico ed in una cornice stupenda. Una serata piacevolissima che ha visto cuochi da tutta Italia cimentarsi ai fornelli con entusiasmo e competizione, ma allo stesso tempo aiutarsi e sostenersi durante la gara.

Non è la prima volta che le quattro strutture partecipano a questa competizione, spinte dal voler mettersi in gioco e attente all’alimentazione ed alla qualità del cibo preparato per gli ospiti nelle loro cucine interne, attraverso personale qualificato e adeguatamente formato.

Allegati

Copyright © 2020 IntellySoft