Conosci la nostra Casa Soggiorno visitando il sito
Mercoledì 16 Ottobre 2019

News

Tradizionale pellegrinaggio con le case di riposo per la XXVII° Giornata Mondiale del Malato - Febbraio 2019

11 Febbraio 2019IMG_2884

In occasione della XXVII giornata del malato, lunedì 11 febbraio le residenze per anziani Villa “Don Gino Ceccon” di Santa Croce del Lago, Casa Soggiorno “Divina Provvidenza” di Santa Lucia di Piave, Centro Servizi per Anziani “Padre Kolbe” di Pedavena, Centro Residenziale per Anziani “De Lozzo Da Dalto” di Santa Maria in Feletto si sono incontrati presso il santuario nostra signora di Fatima a Portogruaro (VE)

Dopo aver ascoltato la presentazione storica del santuario e l’interessante spiegazione degli affreschi presenti all’interno del santuario da parte di un rappresentate dei Cappuccini, abbiamo partecipato alla S.Messa e per chiudere la lettura del messaggio del Santo Padre Francesco per la giornata mondiale del malato.

Per tutti i partecipanti la serata si è conclusa con una cena.

Durante il momento conviviale i rappresentanti delle strutture hanno salutato i presenti e per ricordare la giornata il dono di un quadro.

A seguito le impressioni di Adua, residente presso la struttura di S. Croce

”Giornata mondiale del malato” che come tradizione si svolge annualmente e anche quest’anno l’abbiamo trascorsa al Santuario di Portogruaro, gestita dai frati Cappuccini.

A mio parere tale solennità è stata sentita in modo particolare, perché ivi viene venerata la Madonna di Fatima, apparsa ai tre pastorelli circa un secolo fa, e da qualche decennio suor Lucia la maggiore dei tre ragazzini ci ha lasciati per andare a raggiungere la Mamma Celeste che l’attendeva, come promesso alla stessa veggente nelle apparizioni. Noi uomini poco riflettiamo su ciò che ci attende una volta conclusa la vita terrena, la quale ci comporta non poche sofferenze fisiche e morali, ma che saranno mutate in gioia alla conclusione. Invocando la forza e l’accettazione per quanto si prova lungo il cammino terreno, invochiamo la regina del Cielo e dalla terra affinché ci conduca lungo questa strada ricolma di tante incertezze, sofferenze che noi non possiamo attualmente comprendere.

Chiediamo pace nel mondo e nelle famiglie, imploriamo la Mamma Celeste che stenda su tutto e tutti il suo MANTO

Carnevale - Gennaio 2019

01 Febbraio 2019

Carnevale vecchio e pazzo

s'è venduto il materasso

per comprare pane e vino

tarallucci e cotechino.

E mangiando a crepapelle

la montagna di frittelle

gli è cresciuto un gran pancione

che somiglia ad un pallone.

Beve, beve all'improvviso

gli diventa rosso il viso

poi gli scoppia anche la pancia

mentre ancora mangia, mangia.

Così muore Carnevale

e gli fanno il funerale.

Gabriele D'Annunzio

Immagini
  • Gabriele_D_Annunzio_1

E' tempo di crostoli - Gennaio 2019

31 Gennaio 2019IMG-20190131-WA0026

Oggi imperdibile appuntamento con i nostri cari volontari Roberto e Marina, per la preparazione dei crostoli in sala animazione.

Gli ospiti come loro tradizione hanno richiesto nei giorni passati la possibilità di rivedere e sentire i profumi dell’impasto dei crostoli.

Grande partecipazione all’evento, non solo dei nostri anziani ma anche da parte di alcuni familiari che in tarda mattinata hanno avuto la possibilità di assaggiarli.

Pertanto un immenso ringraziamento va ai nostri volontari che ci danno questa bellissima opportunità di impastare, grattugiare, assaggiare la pasta e poi tagliarla.

Una signora mi ha suggerito di pubblicare la ricetta perché semplice ma buona.

Allora ho seguito il suo consiglio e ve la sveliamo:

  • 500 GR FARINA 00
  • 3 UOVA
  • 30 GR ZUCCHERO
  • 1 BICCHIERINO DI GRAPPA
  • 20 GR DI BURRO
  • SALE
  • SUCCO E SCORZA DI LIMONE E ARANCIA

………ingrediente essenziale: tanto tanto amore!!!!

Palmina - Educatrice

Immagini
  • 20190131_091729
  • 20190131_101852
  • IMG-20190131-WA0018
  • IMG-20190131-WA0021
  • IMG-20190131-WA0029

Un presepe in dono - Dicembre 2018

26 Dicembre 2018PC212463

In occasione del Natale 2018 l’associazione “ Io Amo Castellavazzo ” e il gruppo MyStrac capitanati dall’artista Mauro “Lampo” Olivotto, hanno donato un presepe in legno alla nostra casa . Tale opera è stata realizzata nella bottega dallo scultore a Castellavazzo. Le statue sono fatte con tavole di pino e durante il periodo natalizio sono esposte nella sala delle attività presso la struttura.

L’opera è stata molto apprezzata dai residenti per la sua particolarità, inoltre gli anziani si sono piacevolmente sorpresi del bellissimo regalo.

L’allegro gruppo per l’occasione ha vivacizzato il pomeriggio con canti e musica della tradizione locale, trasmettendo felicità, buonumore, vivacità.

Si coglie l’occasione con questo sito per ringraziare il gruppo di volontari.

Daria

Natale in collaborazione con la frazione di Reveane - Dicembre 2018

25 Dicembre 2018

Quest’anno in casa di soggiorno abbiamo realizzato insieme ai ragazzi del catechismo di Santa Croce del Lago e grazie alla collaborazione dei nostri preziosi volontari un presepe nuovo, originale tanto apprezzato dagli ospiti residenti.

L’idea è stata quella di aprirci al territorio così dopo alcune ricerche abbiamo pensato di contattare il signor Vito referente della frazione di Reveane. La sua gentilezza ci ha conquistati, è stato molto disponibile a prestarci il presepe che hanno realizzato in frazione.

Molto significativo, con la famosa “zocca” che ha attratto l’attenzione anche di persone esterne che frequentano la nostra casa.

I sassi del Piave, originalissimi, presenti nel presepe sono stati dipinti da Luana Barzan.

10 curiosità sul Natale

- La prima canzone che gli astronauti hanno cantato nello spazio è stata Jingle Bells: la canzone natalizia per eccellenza. Il curioso avvenimento risale al 16 dicembre del 1965.

- La famosa statua simbolo della città di New York è stata donata dai francesi agli Stati Uniti d’America proprio nel giorno di Natale. La statua fu trasportata in 1883 casse tramite nave ed è il simbolo e segno dell’amicizia tra francesi e americani.

- Giotto è stato il primo pittore a disegnare la stella cometa con la coda nel 1299.

- Sono stati i tedeschi i primi ad addobbare un albero di Natale artificiale. Ma le decorazioni utilizzate non furono propriamente tradizionali. L’albero fu infatti addobbato con piume d’oca tinte di verde.

- Una leggenda racconta che il bastoncino di zucchero a strisce rosse e bianche sia stato inventato da un pasticcere molto religioso. Esso avrebbe la funzione di ricordare Gesù: capovolgendolo si nota infatti il richiamo alla lettera “J” iniziale di “Jesus”

- Non tutti sanno che la parola “presepe” deriva dal latino “praesepe” che vuol dire “mangiatoia”

- In Italia Babbo Natale lascia, in genere, i doni sotto l’albero, mentre in Francia li lascia nelle scarpe dei bambini.

- Si stima che il 40% dei giochi regalati a Natale ai bambini si rompano entro il mese di marzo.

- La parola panettone si dice derivi da “Pan di Toni” ovvero un dolce inventato dall’aiuto cuoco della famiglia Sforza per rimediare ad un pasticcio culinario.

- In Polonia il pranzo natalizio conta ben 12 portate, precisamente una per ogni apostolo di Gesù.

Palmina

Immagini
  • 20181128_165213
  • 20181128_165510
  • IMG-20181208-WA0011

Copyright © 2019 IntellySoft