Conosci la nostra Casa Soggiorno visitando il sito
Giovedì 02 Febbraio 2023

News

GIORNATA DELLA MEMORIA - 27 Gennaio 2023

27 Gennaio 20239788807910647_0_536_0_75

<div>Iniziano gli incontri di lettura con i nostri anziani in cui verrà presentato il libro di Walter Veltroni "TANA LIBERA TUTTI"</div><div><br></div><div>Presentazione:<br></div><div>«Ciò che mi ha tenuto in vita sono le parole di mio padre: Tu devi vivere, Sami. Tieni duro.»

«A ridosso della Giornata della memoria Walter Veltroni racconta ai giovanissimi una storia da non dimenticare: quella di un bambino che fu deportato in un campo di sterminio. E che da adulto ha capito perché doveva raccontarlo» - Robinson

Sami Modiano ha solo otto anni quando viene espulso dalla scuola. Abita a Rodi, all'epoca territorio italiano, dove frequenta la scuola elementare, che adora. Il maestro non gli dà motivazioni, gli dice solo di tornare a casa dal padre che gli spiegherà tutto. Da quel giorno Sami smette di essere un bambino e diventa un ebreo. Con il padre e le sorelle vive con difficoltà le restrizioni delle leggi razziali, arrivate sull'isola senza avvisaglie, fino al rastrellamento dell'intera comunità ebraica avvenuto con l'inganno il 23 luglio del 1944. Sami e la sua famiglia vengono caricati su una nave mercantile e da Atene su un treno. Un mese di viaggio in condizioni disumane verso il campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau. In pochissimo tempo perde ciò che ha di più caro al mondo: il padre e la sorella Lucia, con cui era riuscito a restare in contatto scambiando bocconi di pane della propria razione quotidiana. Per due volte viene selezionato dai medici del campo e si salva miracolosamente, come pure sopravvive alla marcia finale e alla fuga dei nazisti dal campo con i prigionieri perché creduto morto. Nella casa in cui trova rifugio e viene raccolto dai sovietici il 27 gennaio 1945 conosce Primo Levi e Piero Terracina. Di tutta la comunità ebraica di Rodi, è stato tra le sole venticinque persone riuscite a salvarsi. Nel 2005 ha trovato la forza di tornare ad Auschwitz, accompagnato da una classe di ragazzi e dall'allora sindaco di Roma Walter Veltroni ed è diventato testimone della Shoah. La sua storia arriva al grande pubblico nel 2018 grazie al docufilm Tutto davanti a questi occhi girato proprio da Veltroni.</div>

GIORNATA DELLA MEMORIA - 27 Gennaio 2023

25 Gennaio 20239788807910647_0_536_0_75

In occasione di questa giornata importante, proponiamo una serie di incontri di lettura del libro di Walter Veltroni "TANA LIBERA TUTTI" che racconta la storia di un bambino sopravvisuto ad Aushwitz:

«Ciò che mi ha tenuto in vita sono le parole di mio padre: Tu devi vivere, Sami. Tieni duro.»

«A ridosso della Giornata della memoria Walter Veltroni racconta ai giovanissimi una storia da non dimenticare: quella di un bambino che fu deportato in un campo di sterminio. E che da adulto ha capito perché doveva raccontarlo» - Robinson

Sami Modiano ha solo otto anni quando viene espulso dalla scuola. Abita a Rodi, all'epoca territorio italiano, dove frequenta la scuola elementare, che adora. Il maestro non gli dà motivazioni, gli dice solo di tornare a casa dal padre che gli spiegherà tutto. Da quel giorno Sami smette di essere un bambino e diventa un ebreo. Con il padre e le sorelle vive con difficoltà le restrizioni delle leggi razziali, arrivate sull'isola senza avvisaglie, fino al rastrellamento dell'intera comunità ebraica avvenuto con l'inganno il 23 luglio del 1944. Sami e la sua famiglia vengono caricati su una nave mercantile e da Atene su un treno. Un mese di viaggio in condizioni disumane verso il campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau. In pochissimo tempo perde ciò che ha di più caro al mondo: il padre e la sorella Lucia, con cui era riuscito a restare in contatto scambiando bocconi di pane della propria razione quotidiana. Per due volte viene selezionato dai medici del campo e si salva miracolosamente, come pure sopravvive alla marcia finale e alla fuga dei nazisti dal campo con i prigionieri perché creduto morto. Nella casa in cui trova rifugio e viene raccolto dai sovietici il 27 gennaio 1945 conosce Primo Levi e Piero Terracina. Di tutta la comunità ebraica di Rodi, è stato tra le sole venticinque persone riuscite a salvarsi. Nel 2005 ha trovato la forza di tornare ad Auschwitz, accompagnato da una classe di ragazzi e dall'allora sindaco di Roma Walter Veltroni ed è diventato testimone della Shoah. La sua storia arriva al grande pubblico nel 2018 grazie al docufilm Tutto davanti a questi occhi girato proprio da Veltroni.</i>

FESTA DELLA PORCHETTA - Ottobre 2022

04 Ottobre 2022IMG_20221004_114542-001

Si dice che: “Mangiare in buona compagnia fa bene all’umore, consolida i rapporti e combatte lo stress”.

Allora noi per testare questa tesi il giorno di San Francesco abbiamo festeggiato con un pranzo da re!

Il menu: pasticcio di zucca, porchetta con salsa all’arancio, patatine fritte e… dolcis in fundo… l’immancabile tiramisù!!!

La sala da pranzo era trasformata: tavolate lunghe e decorate secondo la stagione con castagne e i loro ricci, zucche ornamentali e non, rametti di viti e l’uva (buona anche da mangiare tra una portata e l’altra!)

Un banchetto coi fiocchi!!! E possiamo proprio convalidare la tesi sopracitata: è stato un ristoro non solo per il nostro stomaco, ma anche per occhi e cuore!!!

Immagini
  • IMG_20221004_115131
  • IMG_20221004_115525
  • IMG_20221004_120353

FESTA DEI NONNI - Ottobre 2022

02 Ottobre 2022festa dei nonni 02.10.2022

Buona festa a tutti i nonni d’Italia!!!

Non poteva mancare un pensiero speciale per i nostri ospiti! Oggi è la festa dei nonni!!!

Noi abbiamo festeggiato così con una frase e un pensierino dolce per ognuno, per ricordargli che sono importanti.

Per noi i nonni sono una coccola, un sostegno e un legame speciale per tutti i nipoti!

E voi che frase dedichereste a vostro/a nonno/a?

FESTA D'AUTUNNO - Settembre 2022

23 Settembre 2022

Con l’arrivo dell’autunno si raccolgono i prodotti della terra e per celebrare i colori e i sapori di questo periodo è stata organizzata una festa.

In coincidenza del primo giorno della nuova stagione venerdì 23 settembre abbiamo degustato l’uva proveniente dal nostro territorio in particolare dall’Alpago.

Abbiamo assaggiato le uve autoctone di Puos, Codenzano e Santa Croce. Uva fragola bianca e nera, uva bacò che gentilmente Katia, Marilena e Manuela hanno raccolto per l’occasione.

Buonissima l’uva, dolce succosa e nutriente

Il pomeriggio è proseguito all’insegna della musica popolare, animata dai canti degli anziani, anche l’inf. Paola ha eseguito un canto da solista sulle note di “Padre Mio Padre” di G. Puccini

Immagini
  • FOTO 1
  • FOTO 2

Copyright © 2023 IntellySoft